Post taggati Marketing

Premio Hospitality Social Awards 2012

Mi unisco a Roberta Milano nel segnalarvi il Premio Hospitality Social Awards 2012 per le migliori idee di social media marketing tra gli imprenditori del turismo e dell’ospitalità. Si tratta di un’iniziativa italiana e il vincitore verrà premiato il 29 novembre alla serata di gala di BTO 2012. Sul sito BTO trovate il regolamento.

 

 

L’importanza dei Social Media per l’industria dell’ospitalità

Durante la 35esima edizione del NYU International Hospitality Industry Investment Conference molti CEO hanno sottolineato ancora una volta come sia importante l’esperienza dei clienti per il successo degli hotel nel mercato di oggi. E sempre più emerge la necessità di ascoltare il cliente per poter migliorare, ma come? Attraverso i Social Media. Ecco che finalmente anche gli Hotelier hanno compreso la potenza – e la duttilità – di questi strumenti per capire meglio il mercato. Per seguire il processo e le diverse testimonianze, correte a leggere su Tnooz.

Arriva la Leica in… bianco e nero

E parlando di tecnologia, Leica annuncia la prima digitale full frame 35 mm dedicata al bianco e nero. Tante le novità nel modello, tra cui la possibilità, per chi la acquisterà, di usufruire di una versione gratuita di Adobe® Photoshop® Lightroom® 4 completa di software Silver Efex Pro™, capace di ricreare 20 diversi tipi di bianconero e di simulare le caratteristiche delle pellicole dai 32 ai 3200 ISO, per delle immagini in bianco e nero di grande effetto. Tanti altri dettagli su ninjamarketing.it.

Marketing e comunicazione: i trend 2012

Una ricerca di Jwt svela quali saranno le nuove frontiere del marketing e della comunicazione nel 2012, tra i trend vincenti: ecosostenibilità, imprenditori sempre più giovani, mamme single e, nonostante la crisi, qualche piccolo vizio.

L’uomo marketing 2011

I miei complimenti più sinceri a Francesco Aletti Montano, da poco nominato uomo marketing dell’anno “per l’eccellenza in una prospettiva di innovazione e di marketing territoriale sostenibile”.

A dare la notizia, fra le altre piattaforme, anche MyMarketing.Net. L’Associazione Italiana Marketing ha consegnato il Premio alla Persona proprio a lui perché ideatore del Progetto Borgo di Mustonate, della Distilleria Rossi D’Angera, le Scuderie di Mustonate e l’Accademia dei Piaceri Campestri, un ecosistema digitale.

Aletti Montano ha operato con il progetto Borgo di Mustonate un recupero a livello locale mantenendo però uno sguardo globale e comunicando il luogo con strumenti digitali. Dall’altra parte ha cercato di esportare i prodotti della Distilleria Rossi D’Angera in Cina.

Questa notizia mi serve anche per focalizzare la vostra attenzione sul marketing del territorio, che secondo me deve essere sempre più valorizzato e sviluppato. E’ fondamentale oggi emozionare e valorizzare il territorio con i supporti tradizionali e digitali.

Un connubio fra “tradizionale” e “moderno” che mi sembra d’obbligo, se vogliamo procedere verso un marketing più connesso con i nuovi cambiamenti digitali.

I consumatori: da una ricerca emerge cosa vogliono davvero da un sito di viaggi

Oggi vi parlo di una ricerca interessante che ho letto sul sito Ecoconsultancy sui siti di viaggio, un articolo a firma di Graham Charlton.

Risulta dalle statistiche del sito Toluna survey  che il 53% dei consumatori inglesi ricerca e compra online i viaggi per le vacanze.

Niente di stupefacente fino a qui.

Sorprende però leggere che sui 2.004 inglesi campione, il 29% pensa che i siti di viaggio siano difficili da usare e che il prezzo non espresso in maniera chiara (anche causa tariffe extra, accuratamente occultate) sia una ragione sufficiente per abbandonare l’idea di comprare online.

Il 15%, anche se compra offline, ricerca online, e il 64% impiega 2 settimane o più per decidersi.

Questo delinea una grande percentuale di consumatori che si affida a internet per i viaggi: potenziali compratori, insomma.

Cosa devono fare allora i siti di viaggio per migliorare?

Devono essere efficienti, chiari e completi.

Devono contenere foto delle destinazioni e degli hotel (il 59% afferma infatti che le foto li aiutano nella scelta) e quando è possibile video, facendo attenzione che siano in formato scaricabile da tutti senza difficoltà.

È stato anche rilevato che le opinioni dei clienti precedenti sono utili a chi è indeciso su che meta/hotel scegliere. E’ quindi buona norma inserirle nel sito. 

Ed evitare di far perdere tempo al cliente inserendo automaticamente servizi (e costi) che il consumatore non ha richiesto, e che deve quindi andare, riga per riga, a togliere dal preventivo finale.

A mio parere, poi, ci dovrebbe essere una piena integrazione tra il sito ed i vari strumenti social, per consentire di condividere facilmente idee e proposte. Così come dovrebbe essere consentito effettuare ricerche sulla base di parametri e stili diversi (destinazione, tariffa, passione, etc.).

E voi cosa vorreste trovare nel vostro sito di viaggi ideale ?

Miscellaneous: Master in Web Marketing, Mobile@Tourism e Twitter

Due o tre segnalazioni che ci tenevo a condividere:

  • Twitter:
    la scalata di Twitter: sembra un gioco, ma un fenomeno come quello di Twitter sta diventando sempre più reale. Sta cambiando il modo di comunicare, di condividere e di fare promozione. Tanto da meritarsi la copertina di TIME. Interessanti le applicazioni in ambito turistico. Anche a giudicare dal numero di Aziende e Professionisti del settore che si affacciano ogni giorno a questo Social Network per far sentire al mondo i propri cinguettii.
  • Master:
    segnalo il Master in Marketing e Web Marketing Turistico proposto da Roberta Milano. Se è vero (eccome se è vero …) che il Web sta rivoluzionando l’acquisto di beni e servizi, nonchè la fruizione delle informazioni, ritengo importante studiare con grande professionalità il modo in cui i nuovi strumenti possono svolgere un ruolo fondamentale nella promozione del turismo. Lo ritengo un Master dal taglio molto efficace perchè mette al centro della proposta formativa l’utilizzo del Web, non relegandolo a semplice curiosità accessoria. E la qualità è garantita dall’esperienza di Roberta e degli altri docenti.
  • E dopo il Web ?
    Siamo nel pieno dell’esplosione del Web come “portale” di accesso alle informazioni (dalle foto di Noemi alle breaking news …) e agli acquisti di servizi, ma bisogna già pensare alle sue evoluzioni future. E una evoluzione certa è la sua “mobilizzazione”. Si parla da anni di Internet mobile. E mentre se ne parla, l’Internet mobile è ormai nelle tasche di molti di noi. Discuteremo di come il Mobile può offrire nuovi spunti di promozione e commercializzazione in ambito turistico nel convegno promosso dall’Università La Sapienza la prossima settimana a Roma.